Vocidalsud -feb08-pag5c

 Fromo editore - Rosarno (RC )



Mensile telematico di attualità, storia e cultura varia – Rassegna stampa dai mass media regionali e nazionali

Anno IV – Febbraio 2008                                                                          Consultazione gratuita on line
 


Pagina 5


Editoriale

Gli italiani: asini in mezzo ai suoni?
di Franz Rodi-Morabito
 

Ci viene detto tutto ed il contrario di tutto! ma come fare a distinguere il vero dal falso? il manipolato dal genuino?
Gli italiani siamo ridotti al rango di “asini in mezzo ai suoni” in cui la massa politica, i mass media, la Magistratura e chiunque voglia intorbidare le acque non ha che da dare una rimestata nel brodo ed il caleidoscopio riparte sempre più complicato.
Io (e non solo io) ci domandiamo quale possa essere la verità dal momento che tutti hanno una versione diversa dello stesso episodio e tutti

.
.
 
Le frecce tricolore, la squadra aerea acrobatica più famosa nel mondo, sorvolano a Roma l'Altare della Patria ove riposa il corpo del "Milite Ignoto", un soldato morto sul Carso durante la prima guerra mondiale,  sepolto sul prestigioso monumento che rappresenta l'Italia 
in omaggio a tutti i caduti di tutte le guerre.

hanno elementi probanti che sostengono le diverse tesi, anche se opposte, ma tutte alla fine convincenti.
Prendiamo ad esempio Berlusconi attaccato, dice lui, da una una congiura di palazzo che lo vuole neutralizzare; passiamo poi a Prodi che è oggetto di accuse da parte non solo dell’opposizione, ma anche dei suoi compagni di merenda.
Troviamo un giudice napoletano, che svolge la sua attività a Catanzaro (De Magistris) che nel corso di ben due inchieste dice di aver raccolto prove della colpevolezza di Clemente Mastella, Ministro in carica della Giustizia.
Apriti cielo si scatena il pandemonio che gode anche di una buona cassa di risonanza, i mass media e la stessa RAI 3 con la trasmissione Anno Zero di Michele Santoro.
Addirittura in questa trasmissione interviene un’altro Magistrato che opera a Milano la quale dichiara coram video che in una certa inchiesta che riguarda il tentativo di scalata da parte di alcuni personaggi di spicco politico nazionale ha raggiunto la quasi certezza che ci siano dei convolgimenti di costoro nel tentare di dare la scalata a quel polo di potere che sono le banche BNL e Antonveneta.
Tutti gli italiani restiamo a bocca aperta avanti al video per assorbire le parole molto pesanti del Magistrato Clementina Forleo che dichiara apertamente di aver subìto pesanti pressioni tendenti a convincerla ad accantonare l’inchiesta.
Poichè sia  De Magistris (figlio e nipote di stimati magistrati napoletani) che la Forleo sono stati spesso osannati dai mass media e dallo stesso consiglio superiore della magistratura che ha elargito riconoscimenti alla Forleo, nessuno di noi osa dubitare delle sue parole.
Ma ... poichè in queste esternazioni  entrano anche Prodi, Mastella, Dalema, Fassino etc. scatta la reazione dei politici indicati e del ministro della Giustizia Clemente Mastella che invia ispettori presso la procura di Catanzaro e di Milano e De Magistris e la Forleo finiscono sotto inchiesta per cui debbono comparire urgentissimamente  al cospetto del Consiglio Superiore della Magistratura che ... tra un rimando ed uno slittamento fa scorrere parecchi mesi (forse attende pazientemente che l’opinione pubblica insorta soprattutto a Catanzaro in difesa del De Magistris, si calmi per condannarlo in sordina) così come quasi in sordina arriva la sentenza di trasferimento nonchè lo solleva dall’incarico di PM!
A questo punto molti di noi hanno pensato che De Magistris, la Forleo & C. fossero appartenenti a quella frangia politicizzata della magistratura che vuole colpire alcuni esponenti politici per levarli dalle scatole sul piano politico competitivo.
Poco tempo prima il Vice Ministro Visco mette sotto torchio nientepopodimenocchè il Capo della Guardia di Finanza, Generale Speciale, che lo accusava di aver chiesto (Visco) il trasferimento di tre uffiali della GdF di Milano che indagavano proprio su scalate bancarie ed altro.
E’ normale che il povero popolo-asino-in-mezzo-ai suoni si sia fatta l’idea che questa frangia della Magistratura è politicizzata.
Ma questo lo aveva anche detto Berlusconi da sempre e le sue asserzioni hanno suscitato un coro di dissenzi nei politici di centrosinistra che lo hanno definito un pazzo visionario e farneticante.
Ci avevano quasi convinti tutti della malattia mentale di Berlusconi ... quando accade che:
1) Il generale Speciale viene reintegrato nel grado e nella carica (che lui ormai rifiuta);
2) Da Catanzaro e, soprattutto da Potenza ... qualcosa viene fuori a supportare quantomeno il dubbio ed il trasferimeto di De Magistrise (che era che era stato dichiarato di estrema urgenza quest’estate quando scoppiò il caso, adesso è a data da destinarsi e diviene ... “eventuale trasferimento”!)
3)  Il Ministro Mastella è costretto a dimettersi per via degli arresti domiciliari inflitti da un Giudice di Santa Maria Capua Vetere alla Moglie che ricopre la carica di Presidente del Consiglio Regionale della Campania con l’accusa di tentata concussione.
Ed allora ci chiediamo “Avevavo ragione  gli accusatori? hanno ragione gli inquisiti?” ... forse non lo sapremo mai!
Ma una cosa è certa ed è che quando Berlusconi parlava di congiura da parte di giudici schierati politicamente, tutti insorsero chiamandolo pazzo. Oggi gli stessi personaggi politici che allora difendevano l’integerrima Magistratura ed accusavano Berlusconi, accusano la magistratura che ... ha teso loro una trappola. Non è dunque più integerrima? Cosa è avvenuto? hanno aperto gli occhi per cui debbono rendere grazia a Berlusconi oppure dobbiamo concludere che se tocchi me sei un mascalzone, se tocci il mio avversario sei un Saggio!
In questo clima con giudizi di parte come faremo noi “popolo italiano” a credere a qualcuno? ha ragione l’uno? e se avesse ragione l’altro?
Un fatto è sicuro ed è una verità incontrovertibile: la credibilità delle nostre Istituzioni non ne esce in maniera decorosa e l’immagine dell’Italia agli occhi del mondo non è da additare ad esempio!
Ministri indagati, Presidenti di Consigli regionali agli arresti domiciliari o addirittura condannati e con imputazioni pesantissime, Presidenti del Consiglio dei Ministri che ricevono avvisi di garanzia nel bel mezzo di un Convegno Mondiale, città di sogno come Napoli sommerse dalla spazzatura (è successo tutto in una notte o si è andata accumulando nell’indifferenza generale?), Cattedrali nel deserto che hanno ingoiato migliaia di miliardi di euro ed oggi sono ruderi arruginiti mai entrate in funzione, lavoratori che muoiono giornalmente sul lavoro per carenza di sicurezza e, soprattutto, per carenza di controlli, Papi che vengono contestati nelle Università come l’ultimo bidello, omicidi  impuniti, delinquenti autori di delitti efferati assolti con mille escamotages o che dopo un paio di anni sono in libertà e vanno a tenere  “lezioni” nelle scuole e nelle università, crocefissi sfrattati dai luoghi pubblici, Senatori della Repubblica che in pieno Senato sisputano in faccia avendo incxassato epiteti come “frocio ... ricchione, stronzo, ecc.” , e ... chi più ne ha più ne metta e mi dica: Possiamo ancora andare fieri della nostra Italia? possiamo ancora essere ogogliosi di essere italiani?
Francamente nutro fondatissimi dubbi anzi ... quasi ho certezza che sarebbe meglio nascondere al mondo di essere italiani.
La domanda che il mondo si pone è naturale ed è questa: ma gli italiani sono gestiti da una banda di amministratori delinquenti e corrotti oppure è la Magistratura ad avere in seno una frangia di sottili e perfidi delinquenti?
Ma soprattutto si chiedono come mai il popolo sovrano npon reagisce? è un popolo di masochisti?
Francamente da cittadino frastornato da fatti ed episodi che si susseguono martellanti tutti i giorni e di cui i mass media ci danno notizia non possiamo che evincere che nuotiamo in un mare di lerciume e di marciume ed i pochi onesti sono sommersi dai più fino a scomparire ed essere neutralizzati.

Per questo io, cittadino italiano, mi sento come  l’asino in mezzo ai suoni e ... mi vergogno!